IV Domenica di Pasqua

IV Domenica di Pasqua

Dal vangelo secondo Giovanni

 

Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. 12Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; 13perché è un mercenario e non gli importa delle pecore. 14Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, 15così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. 16E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. 17Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. 18Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio» (10,11-18).

Il pastore bello


«Io sono il pastore buono»: in greco c’è χalòs che significa bello che tradotto in italiano può suonare: che bella persona, simpatica, sincera, solare… Voi siete la luce del mondo… Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere belle e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli (Mt5,14-16).

In cosa consiste la bellezza del pastore? Non sta nel suo aspetto esteriore, ma il suo fascino e la sua forza di attrazione vengono dal suo coraggio e dalla sua capacità di intimità. La bellezza sta in un gesto ribadito cinque volte oggi nel Vangelo: io offro per loro la sua vita ad ogni pericolo. Io non domando, io dono. Io non pretendo, io regalo. Ma non per avere in cambio qualcosa, non per un mio vantaggio. Bello è ogni atto d'amore. Si vuol dire che la prima caratteristica del pastore è l’amore e il coraggio impavido con cui difende le pecore.
Il mercenario invece al quale le pecore non appartengono, invece, è preoccupato del suo salario; le pecore sono a servizio della sua vita, non lui della loro. Mercenari perché vuoti dentro, non agganciati a nessuno, profonda solitudine. Vede venire il lupo: ogni epoca ha i suoi lupi pericolosi, conosciuti e sconosciuti e allora più insidiosi: indicano la mentalità diffusa …fanno tutti così, il falso modello di uomo… sei libero fa ciò che ti piace, “la moda” che serpeggia e fa strage all’interno del gregge… sei un retrogrado;

«Io-Sono il pastore buono e conosco le mie e le mie conoscono me»: dopo aver parlato del pastore buono in termini di coraggio, ora dice la qualità della relazione tra Lui e le pecore; c’è l’intimità che si vive solo in un rapporto di amore. Infatti il verbo usato è quello del rapporto coniugale: conosco.
anche altre pecore ho che non sono di questo recinto: “Questo recinto” è quello del tempio, in cui sta Israele. Ci sono altri “recinti”, religiosi o laici, che tengono schiavo l’uomo.
anche quelle bisogna che io conduca. “bisogna” richiama il dono della vita del Figlio dell’uomo innalzato. È questo amore che lo fa pastore dei suoi fratelli: come ha espulso dal recinto del tempio quelli che sono chiusi dentro, così vuole condurre al pascolo della vita anche quelli che sono chiusi in altri recinti.

«diventeranno un solo gregge, un solo pastore»: Gesù dice “un solo gregge” e non “un solo ovile”, come spesso si dice. Il Figlio non è venuto a fare un nuovo ovile, un recinto più grande dove imprigionare possibilmente tutti; tira invece fuori i suoi fratelli da ogni gabbia, religiosa o meno, per farli vivere nella legge di libertà, che è l’amore e il servizio reciproco. È chiaro che l’unione tra le chiese non deve essere “un solo ovile” che racchiuda le varie comunità, omologandole e omogeneizzandole. Il corpo di Cristo, vivente nella storia, sarebbe irriconoscibile, ridotto a un frullato orripilante: più che un organismo bello e diversificato nelle sue membra, sarebbe una poltiglia indifferenziata, una brodaglia disgustosa.
 

Ultimi Articoli:
VI Domenica di Pasqua Anno B
V Domenica di Pasqua Anno B
IV Domenica di Pasqua
III Domenica di Pasqua Anno B
II Domenica di Pasqua Anno B
Pasqua di Risurrezione Anno B
V Domenica di Quaresima Anno B
IV Domenica di Quaresima Anno B
III Domenica di Quaresima - Anno B
VI Domenica Tempo Ordinario Anno B